domenica 6 ottobre 2013

Living in Bologna: Via Centotrecento e la sua piazza di vicinato

Quartiere Universitario di Bologna

Via Centotrecento è una via del quartiere universitario, il nome si dice venga dall'espressione "cento trasende", ovvero cento finestre.





E' una delle mie strade preferite: qui ho abitato durante l'ultimo anno di Giurisprudenza. Alcune amiche di Faenza avevano un appartamentino al numero 10 e mi ospitarono per le ultime fatiche su libri e codici di diritto.

Ingresso del ristorante Al Salam

Anche se ora ho cambiato zona, ritorno spesso in via Centotrecento, ho tanti bellissimi ricordi, è la via che mi ha vista ragazza quattrocchi imbranata, tutta libri, appunti e sale studio, è la via che mi ha vista correre trafelata per arrivare in orario alle lezioni, quella che ha visto il mio sguardo corrucciato e preoccupato mentre mi incamminavo per dare un esame, è la via dove con il mio Gabry ci fermavamo e ci fermiamo tutt'ora al ristorante Al Salam per mangiare il migliore kebab di Bologna.

Ma via Centotrecento è anche il nome di una omonima associazione che in questi ultimi anni ha cercato di creare nuovi spazi sociali, per fare incontrare e conoscere le persone che abitano e frequentano questa stradina.

La piazzetta sociale di Via Centotrecento



L'associazione lavora per creare delle piccole piazze di vicinato dove gli abitanti ed i frequentatori della strada possano per un attimo abbandonare la fretta e la frenesia, per rilassarsi, tornare a sorridere, instaurando rapporti umani.
Alcuni posti auto sono stati trasformati in una piccola piazzetta, pulita, ordinata e gestita in modo tale da rendere più piacevole il micro quartiere Centotrecento. Gli abitanti ed i frequentatori hanno quindi uno spazio dove fermarsi, parlare, conoscersi.



La piazzetta ha un proprio regolamento, è un piccolo spazio gestito in modo responsabile per rendere più ospitabili e vivibili le vie del centro, per combattere il degrado, l'indifferenza, l'individualismo e fare crescere la cultura dimenticata della comunità.

Torna all'indice del numero uno di ottobre 2013