martedì 9 settembre 2014

#Argillà 2014 l'ospite internazionale: il Regno Unito


Ogni edizione di Argillà Italia ha un ospite d'onore, quest'anno è toccato al Regno Unito.


Faenza ha ospitato 12 artisti britannici, tra i quali spiccavano i nomi di Jonathan Keep e David Roberts, il primo, famoso per le sue stampanti 3D per l'argilla, ha tenuto un workshop presso il museo Carlo Zauli, il secondo, maestro internazionale di naked raku, ha tenuto un master demonstration proprio in Piazza del Popolo.

                                

Anche la Gran Bretagna vanta una grande tradizione nella lavorazione della ceramica: uno dei suoi distretti più famosi è lo Staffordshire e la città di Stoke on Trent è rinomata per la produzione di una fine porcellana fin dal Settecento. Il territorio è infatti ricco di argilla e carbone.


I primi artisti solevano procurarsi l’argilla dalle strade per non rubare terra alle aree adibite a coltivazione, ad un certo punto però i buchi sulle carreggiate diventarono così profondi da essere pericolosi. Venne allora approvata una legge che proibì l’utilizzo della terra appartenente alle aree pubbliche.


La migliore produzione di porcellana bianca dello Staffordshire, che prende il nome di white salt-glazed stoneware, nacque negli anni tra il 1720 ed il 1760. Il distretto divenne allora il centro del cosiddetto "Creamware", porcellana dal caratteristico colore bianco dovuto all’utilizzo di polveri di piombo.

Proprio in questo periodo molti nomi leggendari dell’industria della ceramica inglese aprirono le loro fabbriche: Wedgwood e Spode.

                                     

Qui i nomi degli artisti inglesi, ed i loro siti:
Polly e Garry Uttley


Russell Coates (www.russellcoates.co.uk)
Roger Cockram (www.rogercockramceramics.co.uk)
Robert Cross (www.ceramicacross.wordpress.com)
Terry Davies (www.terrydavies.it)
Tony Laverick (www.tonylaverick.co.uk)
Sarah Michael (www.sarahmichael.nl)
Jeremy Nichols (www.jeremynichols.co.uk)
Sian Patterson (www.sianpatterson.co.uk)

Polly e Garry Uttley

Natalie Tobert (www.ceramic-asymmetry.com)
John Townsend (www.townsendpotter.com)
Joy Trpkovic (www.jct-ceramics.com)
Pollie & Garry Uttley (www.polliegarryceramics.co.uk)

Una degli artisti anglosassoni che maggiormente mi è piaciuta è stata Polly Uttley. Le sue ceramiche sono ispirate ai suoi frequenti viaggi in India e l'enfasi del suo lavoro è particolarmente incentrata sulle decorazioni piuttosto che sulle forme, attraverso l'utilizzo di una grande quantità di tecniche, che includono stampa, pittura, incisione su argilla, graffito e l'uso abbondante di oro e lustri.