martedì 16 maggio 2017

Punta San Vigilio, Beatus ille qui procul negotii

Punta San Vigilio, Lago di Garda - Foto di Monica Gatti
Dopo la visita al Santuario della Madonna della Corona, ci siamo diretti a Punta San Vigilio, uno dei luoghi più romantici e conosciuti sul lago di Garda.

Si tratta di un piccolo promontorio sulla cui punta sorge un borgo formato da una taverna, una chiesa, una villa ed una antica locanda le cui origini risalgono al primo Rinascimento. All'epoca era un alloggio parco per viandanti, mentre ora è uno dei più rinomati hotel della zona, conosciuto appunto come Locanda San Vigilio. Alcune camere sono dotate di loggia e vista sul lago, altre hanno anche dei giardini privati. Dalle poche monete delle origini ai quasi mille euro a notte dei nostri giorni, per chi vuole provare l'experience di soggiornare in uno dei luoghi preferiti da Churchill e dal Principe Carlo.

Chuchill adorava Gardone Riviera, ma quando vide Punta San Vigilio se ne innamorò e vi soggiornò spesso. Qui il primo ministro più famoso e amato del Regno Unito amava rilassarsi e come un qualsiasi signore di buona famiglia, in pensione, si dedicava al suo hobby preferito: la pittura.

Cavalletto, tela, pennelli, colori e Churchill si trasformava in un emulo dei pittori impressionisti, e come poter dargli torto, il lago di Garda offre scorci incantevoli e soprattutto passeggiando nel porticciolo ti sembra di essere catapultato dentro un'altra epoca.

Punta San Vigilio, Lago di Garda - Foto di Monica Gatti

Il consiglio della Gatita è quello di prendere un aperitivo alla taverna del borgo ammirando le acque del lago al tramonto, oppure se arrivate all'ora di pranzo, durante il periodo estivo al ristorante della Locanda preparano un ottimo lunch buffet.

La bellissima villa Guarienti - Brenzone, dei Conti Guarienti non è purtroppo visitabile, a meno che non siate invitati ad un matrimonio. Le dimore storiche sono costose da mantenere ed è un'ottima idea quella che hanno avuto molti proprietari di simili bellezze, di affittarle per eventi.

Sulla costa opposta al porticciolo si trova il Parco Baia delle Sirene,
Acque cristalline e una spiaggia immersa tra cipressi e ulivi.

Baia delle Sirene, Punta San Vigilio - Foto di Monica Gatti

Un poeta anonimo conquistato dalla sua placida bellezza, dedicò alla baia i seguenti versi:

Ancora una volta
ho riposato
all'ombra del mirto
e degli ulivi.
Ancora una volta
qui sul promontorio
fra lago e monte
ho visto passare
come rapido sogno
e increspar l’acque
l’ombra delle sirene
e dei cipressi antichi.

In serata ci siamo diretti verso Mantova, dove abbiamo cenato e mangiato un'ottima torta sbrisolona!